Lavastoviglie: come installarla, meglio il tecnico o il ‘fai da te’?

Una volta scelta e acquistata la lavastoviglie giusta, si hanno ancora delle decisioni da prendere prima di poter cominciare ad usarla. La prima cosa che da fare è stabilire se chiamare un professionista per l’installazione o fare l’intervento da soli, se si è esperti di ‘fai da te’ e si è pronti a seguire attentamente le istruzioni per una corretta installazione. Il consiglio, nel dubbio sul da farsi, è consultarsi sempre con un tecnico specializzato prima di avventurarsi in un’impresa che può rivelarsi più ardua del previsto. Tantopiù che l’installazione di una lavastoviglie, se non si è ferrati sul campo, è un intervento delicato che richiede la conoscenza degli impianti idrici per collegamenti sicuri e affidabili.

Di solito, se si acquista in negozio, l’esercente è convenzionato con un team di assistenza tecnica, ma anche comprando online c’è la possibilità di rapportarsi con il call center, spesso servito da numero verde, del produttore, che può dare tutte le indicazioni a riguardo e consigliare per il meglio, non soltanto in caso di primo allestimento, ma anche quando e se si verificano guasti e occorre intervenire per qualsiasi tipo di riparazione della macchina. Tornando alla fase iniziale, se si parla di un’installazione media, in assenza di intoppi, può richiedere un lavoro di circa 2 ore se lo si fa da soli, ma un esperto potrà portarlo a termine in meno tempo. In qualunque modo si decida di procedere bisogna verificare che lo spazio dedicato alla lavastoviglie da incasso sia a livello e sgombro da qualsiasi eventuale ostacolo.

Assicurarsi anche che resti ai margini lo spazio sufficiente per le connessioni alle tubazioni o al raccordo idrico, in modo che si possa agevolmente accedere alla valvola dell’acqua. Una volta installata e pronta all’uso, la lavastoviglie può dare adito ad altre problematiche, non ultimo il rumore che in questo tipo di elettrodomestici può essere particolarmente elevato e sostenuto.  Per attutirlo le migliori aziende produttrici hanno dotato le loro lavastoviglie di ‘silenziatori’ attivabili soprattutto in orari serali, notturni o di prima mattina per non disturbare la quiete e il sonno. Ma attenzione, se si vuole una lavastoviglie che non faccia rumore, si stia alla larga da quelle di seconda mano, le più chiassose in assoluto.