La bilancia da cucina: una presenza millenaria

Non c’è cucina che non abbia una bilancia: anzi è proprio impensabile concepire una cucina che sia sprovvista di una bilancia per alimenti; un piccolo – almeno in generale – strumento di cui è impossibile fare a meno dato il servizio che offre. In commercio ne esistono talmente tante tipologie e modelli a partire da quelle analogiche per arrivare alle ultime digitali che sceglierne una diventa quasi un problema. Per questo vi consigliamo di non decidere un acquisto semplicemente perché volete seguire le mode come ad esempio il design o i colori ma decidete in base a quello che davvero vi serve e per farlo leggete i contenuti del sito https://bilanciadacucina.it che vi offrirà una panoramica davvero molto ampia di quello che potete trovare sul mercato e le caratteristiche dei vari modelli. Un valido aiuto per una scelta soddisfacente.

Sapete da quando esistono le pese? Praticamente sono nate da quando l’uomo è diventato stanziale e quindi hanno una storia lunghissima ed è quindi uno degli strumenti più antichi.
Tra le documentazioni storiche risulta che risale all’epoca egizia oltre 5mila anni fa: nelle raffigurazioni tombali, infatti, il dio Anubi che rappresenta colui che accoglie le anime dopo la morte, viene spesso rappresentato intento a pesare le anime dei defunti mettendo su un piatto che formava la bilancia una piuma. In base al risultato cioè se l’anima era leggera o più pesante della piuma decideva se permettere l’ingresso dell’anima nell’oltretomba o negarlo.
Dall’Iliade poi ci viene documentato che esistevano pese a due piatti che dovevano bilanciarsi l’uno con l’altro da cui il nome “bilancia” e servivano per sapere il peso degli oggetti ma anche dei raccolti.
I Romani con il senso pratico che li contraddistingueva inventarono la “stadera” una bilancia composta da un braccio con un peso scorrevole e che portava ad una estremità un piatto dove veniva posto quello che doveva essere pesato. E la stadera ebbe talmente successo da restare praticamente immutata fino a metà del secolo scorso usata nelle campagne e nei mercati di provincia prima di essere sostituita dalla pesa digitale.