Fotocamere digitali ibride: connubio di economicità e praticità adatte al prosumer

Digitali ibride: connubio di economicità e praticità adatte al prosumer

Le fotocamere digitali ibride sono anche indicate come “macchine fotografiche bridge” nel senso che sono un ponte fra le reflex e le compatte. Sono macchine infatti destinate in particolare ai cosiddetti prosumer, ovvero a quegli utenti che si sentono a metà fra i semplici scattisti e i professionisti.
Il loro acquisto è, se vogliamo, ancora più delicato perché è legato al desiderio dell’acquirente di crescere nell’apprendimento dell’uso della macchina fotografica e quindi è ancora più importante approfondire bene l’argomento leggendo questo sito https://fotocameredigitalimigliori.it  ricco di informazioni necessarie per capire e scegliere al meglio

Dunque che cosa sono le fotocamere digitali ibride o anche dette “bridge”?
Sono un collegamento fra due modelli differenti: le fotocamere digitali compatte e quelle reflex mentre, grazie allo sviluppo della tecnologia, queste bridge si sono guadagnate via via una maggiore autonomia e valore. La definizione di “ibrido” sta a significare che si tratta di un mix fra le caratteristiche migliori delle due altre tipologie da cui prende spunto.
Dalle reflex sono le dimensioni, anche se leggermente ridotte, e la qualità della scocca. Dalle compatte riprendono invece la praticità di utilizzo e il blocco unico formato da corpo macchina e obiettivo.

E come sono fatte?
Hanno una parte unica contenente corpo macchina e obiettivo. Alcune strumentazioni hanno una qualità inferiore rispetto alle reflex che però restano il riferimento per ogni macchina fotografica. Se a chi fotografa interessa capire come lavora il sensore che ricorda la pellicola delle fotocamere analogiche; il filtro RGB che gestisce le frequenze dei colori; l’otturatore che regola quanta luce entra in camera, queste ibride potrebbero non essere di elevata qualità ma possono darvi modo di approfondire settori della fotografia che vi permetteranno di passare a macchine più professionali.

Tutto questo però non incide sullo scatto finale grazie alla possibilità di impostare manualmente molti di questi indicatori al contrario di quanto accade nelle compatte. Ci sono poi gli obiettivi che hanno lenti di qualità superiore e possono ricoprire un campo focale che va dal semplice grandangolo al super-teleobiettivo consentendoci una gran varietà di scelte.

Maggiori informazioni su questo sito.